Come potrai immaginare, questo progetto ha dei costi, quindi puoi sostenerci economicamente con un bonifico alle coordinate che trovi qui di seguito. Ti garantiamo che i tuoi soldi verranno spesi solo per la crescita del progetto, per i costi tecnici e per la realizzazione di approfondimenti sempre più interessanti:

  • IBAN IT73P0548412500CC0561000940
  • Banca Civibank
  • Intestato a Meridiano 13

Puoi anche destinare il tuo 5x1000 a Meridiano 13 APS, inserendo il nostro codice fiscale nella tua dichiarazione dei redditi: 91102180931.

Una comprensione che produce più domande che risposte

L’invasione russa dell’Ucraina, iniziata con un annuncio per molti versi inaspettato all’alba del 24 febbraio, ha colto di sorpresa e lasciato, quanto meno sulle prime, con un vuoto semantico-interpretativo in molti. Meridiano 13 stava muovendo i primi passi e di certo l’idea di ritrovarci davanti a un evento di tali dimensioni non era una prospettiva preventivata da noi fondatrici e fondatori del progetto. 

Ad alcuni primi giorni di silenzio e riflessione – quanto più necessari sullo sfondo di un vortice informativo che si faceva rapidamente chiassoso e spesso fuorviante – è seguito il nostro impegno e sostegno nei confronti di diverse iniziative e appelli che abbiamo rilanciato nelle forme e nelle modalità che ci erano disponibili attraverso i canali social. A tutto ciò si è iniziata ad accompagnare la nostra attività primaria, quella di renderci voci e ponti tra quanto stava e sta concretamente accadendo e la comprensione e riflessione più analitica su tutto ciò. Momenti delicati e complessi come gli eventi bellici (ma non solo) richiedono ancora di più un rigore, una competenza e un’onestà intellettuale che, purtroppo, spesso vengono a mancare proprio in queste circostanze. 

Sono queste qualità che possono aiutare a spiegare e arrivare a comprendere la surreale follia esiziale messa in atto da Vladimir Putin contro la popolazione e la nazione ucraina. Infatti, per la natura stessa della dichiarazione di guerra di ormai tre settimane fa, lo smascheramento dello stratagemma retorico e dell’utilizzo strumentale di nozioni storiche si rivela quanto mai necessario e non basta essere “giornalisti dal fronte” per poterlo garantire. 

Una volta di più, dunque, noi che di queste aree, culture, realtà siamo intrisi per biografie, passioni, studi e ricerche, non potevamo che sentirci coinvolti e chiamati a favorire, nel nostro piccolo, una maggiore comprensione. Una comprensione che cerca sempre di rendere più profonda e stratificata la materia che tocca, che evita di appiattirla a una retorica vetusta e mendace del buono e del cattivo, del noi e del loro, del bianco e del nero. Una comprensione che, se vogliamo, produce più domande, che risposte, più dubbi, che soluzioni. Una comprensione che, però, riteniamo infinitamente più onesta, utile e costruttiva.

A questa complessità si vota il progetto di Meridiano 13, sperando di ovviare in questa fragile maniera a quel “deserto” materiale e immateriale che le guerre d’armi e di parole “chiamano pace” (Ubi solitudinem faciunt, pacem appellant; Publio Cornelio Tacito).

Immagine: Pexels

Condividi l'articolo!
Martina Napolitano
Martina Napolitano

Dottoressa di ricerca in Slavistica, è docente di lingua russa e traduzione presso l’Università di Trieste, si occupa in particolare di cultura tardo-sovietica e contemporanea di lingua russa. È traduttrice, curatrice di collana presso la casa editrice Bottega Errante ed è la presidente di Meridiano 13 APS.