Come potrai immaginare, questo progetto ha dei costi, quindi puoi sostenerci economicamente con un bonifico alle coordinate che trovi qui di seguito. Ti garantiamo che i tuoi soldi verranno spesi solo per la crescita del progetto, per i costi tecnici e per la realizzazione di approfondimenti sempre più interessanti:

  • IBAN IT73P0548412500CC0561000940
  • Banca Civibank
  • Intestato a Meridiano 13

Puoi anche destinare il tuo 5x1000 a Meridiano 13 APS, inserendo il nostro codice fiscale nella tua dichiarazione dei redditi: 91102180931.

Dona con PayPal

Viaggio virtuale alla scoperta di Kyiv con Pain de Route

Com’era Kyiv nel 2021?

Nel periodo del lockdown Eleonora Sacco – in arte Pain de Route – ha organizzato una serie di tour guidati online con il nome di poputchik, ovvero “compagno di viaggio” in russo.

A marzo 2021 la nostra Claudia Bettiol ha guidato il poputchik di Kyiv attraverso Majdan Nezaležnosti, Chreščatyk, l’Arco della Diversità e altri luoghi che ora rischiano di essere distrutti a causa del nuovo conflitto russo-ucraino.

Eleonora ha messo a disposizione il poputchik gratuitamente. Vi invitiamo a guardarlo per capire Kyiv e per sentire le testimonianze di chi vive e ha vissuto la città prima, durante e dopo la Rivoluzione della dignità del 2014.

Una passeggiata a Kyiv in compagnia di Claudia, Silvia e Milan

Dallo spettacolare Arco della diversità, affacciato sulle isole verdi del fiume Dnipro, cammineremo attraverso la storia e l’architettura del pieno centro di Kyiv fino alla celebre piazza Majdan, teatro dei fatti che hanno cambiato per sempre l’Ucraina contemporanea. Sui racconti di Claudia e dei suoi amici, che hanno vissuto Euromaidan e la rivoluzione del 2014, raggiungeremo il mercato Bessarabka, costruito a inizio Novecento da un architetto polacco che aveva ereditato uno zuccherificio e scopriremo che fine ha fatto la statua di Lenin.

Condividi questa risorsa!
Claudia Bettiol
Claudia Bettiol

Traduttrice e redattrice, è giornalista-corrispondente da Kyiv per Osservatorio Balcani e Caucaso. L’anno di scambio con AFS-Intercultura ad Astrachan’, alle foci del Volga, l’ha portata a studiare slavistica all’Università di Udine e di Tartu e a occuparsi poi di est, in particolare di Russia e Ucraina, dove vive dal 2017. Nel 2022 ha tradotto dall’ucraino il reportage “Mosaico Ucraino” di Olesja Jaremčuk, edito da Bottega Errante.