Come potrai immaginare, questo progetto ha dei costi, quindi puoi sostenerci economicamente con un bonifico alle coordinate che trovi qui di seguito. Ti garantiamo che i tuoi soldi verranno spesi solo per la crescita del progetto, per i costi tecnici e per la realizzazione di approfondimenti sempre più interessanti:

  • IBAN IT73P0548412500CC0561000940
  • Banca Civibank
  • Intestato a Meridiano 13

Puoi anche destinare il tuo 5x1000 a Meridiano 13 APS, inserendo il nostro codice fiscale nella tua dichiarazione dei redditi: 91102180931.

Dona con PayPal

Elezioni e arsenali in Ucraina. In diretta da Kyiv per Radio 3 Mondo

Per mesi l’Ucraina è stata coinvolta in un acceso dibattito sulla necessità o meno di tenere le elezioni presidenziali nel marzo 2024, come originariamente previsto. Come sottolinea Claudia Bettiol in diretta da Kyiv, tutte le elezioni, comprese quelle presidenziali, sono vietate dall’attuale legge marziale del paese, imposta dopo che la Russia ha lanciato la sua invasione su vasta scala nel febbraio 2022. La questione però è lungi dall’essere risolta e ha alimentato un confronto politico mai visto nel paese dall’inizio dell’invasione russa.

Intanto Oleksandr Kamyšin, l’uomo incaricato di rilanciare l’industria bellica nazionale, ha dichiarato che l’Ucraina dovrebbe concentrarsi sulla produzione di armi, trasformandosi in un “arsenale del mondo libero” e fornendo armi per l’esportazione.

Ai microfoni di Radio 3 Mondo ne parlano Claudia Bettiol, giornalista di Osservatorio Balcani e Caucaso e Meridiano 13, e Alessandro Marrone, Responsabile del Programma Difesa e responsabile di ricerca nel Programma Sicurezza dello IAI (Istituto Affari Internazionali).

Per approfondire: La stanchezza della guerra. Una Kyiv surreale, un fronte caldo e una nuova legge sugli aiuti umanitari
Condividi questa risorsa!
Claudia Bettiol
Claudia Bettiol

Traduttrice e redattrice, la sua passione per l’est è nata ad Astrachan’, alle foci del Volga, grazie all’anno di scambio con Intercultura. Gli studi di slavistica all’Università di Udine e di Tartu l’hanno poi spinta ad approfondire le realtà oltrecortina, in particolare quella russa e quella ucraina. Vive a Kyiv dal 2017, collabora con Osservatorio Balcani e Caucaso e altre testate italiane. Nel 2022 ha tradotto dall’ucraino il reportage “Mosaico Ucraino” di Olesja Jaremčuk, edito da Bottega Errante.